CURA UN’AIUOLA

REGOLAMENTO

  • per partecipare devi essere residente nel Comune di Travacò Siccomario
  • la partecipazione è gratuita
  • iscriviti inviando una mail a: associazione@viveretraduefiumi.it
  • nella mail indica: nome – cognome – indirizzo abitazione – contatti telefonici – lo spazio individuato e del quale vuoi prenderti cura
  • manda una foto del luogo scelto
  • Potrai utilizzare lo spazio incolto alla base degli alberi o altri piccoli spazi comunali destinati a verde
  • puoi seminare fiori oppure piantare bulbi o piccoli fiori da bordura
  • documenta le fasi della crescita con degli scatti
  • le fioriture più belle saranno premiate dall’Associazione nel mese di settembre/ottobre
  • l’iniziativa è legata al Progetto “Cittadinanza Attiva” del Comune di Travacò.  Le persone che aderiranno all’iniziativa potranno godere dei benefici secondo le disposizioni in atto.

TRUFFE E RAGGIRI

Il Comandate dei Carabinieri di San Martino Sicc. affronterà il tema delle truffe e raggiri nei confronti delle persone anziane e non solo….

CAMMINATA IN COMPAGNIA

Domenica 03.4.22 abbiamo passeggiato dalla frazione Boschi fino alla confluenza fra Po e Ticino. Il sole ci ha accompagnato lungo il cammino e, nonostante la bassa temperatura per la stagione, ci ha offerto una giornata gradevole. Abbiamo fatto incontri ravvicinati con daini, cuccioli di cinghiale e molluschi giganti di acqua dolce “Sinanodonta Woodiana”. Sono cozze alloctone di origine orientale arrivate fino a noi come parassiti dei pesci importati. La forma larvale, detta glochidio, è infatti in grado di ancorarsi alle mucose, alle branchie, alle pinne e in genere alle zone morbide dei pesci

Sinanodonta Woodiana

CATTURA CON UNO SCATTO

Il 21 e 22 marzo si celebrano rispettivamente la giornata delle foreste e la giornata mondiale dell’acqua. Nel nostro territorio questi due elementi sono particolarmente presenti: la “foresta tra due fiumi” posta alla confluenza tra Po e Ticino è ormai una realtà da circa 15 anni e le acque circondano il nostro territorio, tanto che Travacò potrebbe essere paragonata ad un’isola, il cui perimetro è delimitato da fiumi e canali. “Vivere tra due fiumi” non può ignorare queste due date, anche in un momento in cui programmare delle manifestazioni risulta difficoltoso e spesso inutile. Per ovviare a questo problema, abbiamo pensato di celebrare queste due ricorrenze promuovendo un concorso fotografico, aperto a tutti, che abbia come tema boschi, foreste e le acque del territorio. Le foto dovranno mettere in risalto tutti quegli elementi che deturpano e danneggiano queste realtà che sono un patrimonio di tutti e che dobbiamo proteggere, per poterle lasciare in eredità ai nostri figli e nipoti. Siamo abituati a ricercare e fotografare sempre il “bello” in ogni sua manifestazione, ma, tra un po’, potrebbe non essere più possibile voltare lo sguardo altrove. Noi alziamo la voce (o la macchina fotografica), e voi? L’obiettivo dell’iniziativa è sensibilizzare le istituzioni e l’opinione pubblica, affinché vengano assunti comportamenti ed azioni volte a contrastare il degrado del nostro patrimonio.

Per partecipare al concorso sarà sufficiente scattare, anche con il vostro smartphone, delle foto e spedirle (massimo 3 per ogni partecipante) via whatsapp (3337347527) o mail (associazione@viveretraduefiumi.itentro il 20 marzo. Vi chiediamo di indicare anche l’età del fotografo/fotografa perché ci piacerebbe dedicare una parte del concorso ai più giovani. Le tre foto più significative verranno premiate con buoni acquisto da utilizzare presso esercizi presenti sul territorio e tutte le foto saranno, in modo anonimo, inoltrate alle istituzioni (Comune, Provincia, Regione, Parco del Ticino, giornali,….) affinché prendano coscienza dei problemi esistenti.

Per partecipare non è necessario essere iscritti all’associazione, anche se è caldamente auspicato. Per poter proseguire nelle nostre iniziative abbiamo bisogno del vostro supporto. La quota d’iscrizione è 10 Euro che puoi pagare tramite bonifico Intestato ad Associazione “Vivere tra due fiumi” Iban: IT38F0760111300001007209453. Comunicaci l’eventuale adesione, grazie.

Giochiamo con gli alberi

Gli alberi si alzano maestosi verso il cielo. Sanno dialogare silenziosamente fra loro. Essi sanno catturare l’energia solare e trasformarla in linfa vitale. Con le loro radici proteggono la terra, con le loro foglie regolano la temperatura dell’aria e la filtrano. Danno riparo e nutrimento ad altri esseri viventi. Come un incanto o una magia, in ogni stagione si rinnovano con forme e colori differenti.

The Bubble Barrier

Pulire i fiumi dall’inquinamento da plastica con una barriera a bolle d’aria

L’inquinamento da plastica è uno dei grandi problemi ambientali del nostro tempo. Il nostro desiderio è: catturare la plastica prima cha arrivi al mare, monitorare la quantità di plastica presente nei nostri fiumi per promuovere nuove politiche, creare consapevolezza e coscienza dei gravi danni che questo materiale genera.

La tecnica “Bubble Barrier” consiste nel pompare aria in un tubo perforato adagiato in diagonale sul fondo del corso d’acqua. Le bolle creano una corrente ascendente che porta la plastica verso la superficie e da qui viene incanalata in un sistema di raccolta apposito. E’ in grado di intercettare rifiuti plastici in profondità, anche di piccole dimensioni, tra 1 e 20 mm.

La barriera è composta da tre elementi principali: il tubo a bolle, il compressore, il contenitore di raccolta. Il tubo a bolle è realizzato in plastica PVC. Le bolle vengono create immettendo aria con un compressore elettrico. Ove è possibile si cerca di alimentare la barriera con energia rinnovabile.

Vantaggi del sistema

E’ in grado di intercettare plastiche in profondità e di piccole dimensioni tra 1 e 20 mm – Non ostacola il traffico fluviale – Non ostacola la migrazione dei pesci – Aumenta l’ossigeno disciolto nell’acqua a beneficio dell’ecosistema acquatico – E’ attivo 24 ore su 24 senza necessità di operatori per il suo funzionamento – Il controllo del sistema può essere effettuato da remoto.

https://thegreatbubblebarrier.com/

Giornata mondiale delle api

Sabato 22 maggio ore 16:00

Giardini di via VIII marzo – Travacò Siccomario

Le api sono dei bio-indicatori, vere e proprie sentinelle ambientali, in grado di fornire informazioni sul livello di contaminazione da pesticidi e da altre sostanze dannose per l’ambiente. Per questo da anni viene monitorato il loro stato di salute. Le api non producono solo il miele ma sono degli importanti impollinatori, senza di loro sarebbe a rischio la maggioranza delle produzioni agricole e di conseguenza la maggioranza del nostro cibo. Utilizzo di pesticidi, produzioni agricole monocolturali, variazioni climatiche che interferiscono con il periodo della fioritura, sono i maggiori pericoli che incombono sulle api. Gli apicoltori svolgono un ruolo di fondamentale importanza per la conservazione di questi meravigliosi impollinatori. Incentivare metodi di coltivazione che aboliscano l’uso di pesticidi e rispettino la natura e le api che sono garanzia di un ambiente sano e di sicurezza alimentare. E’ questa la grande sfida che dobbiamo affrontare e sostenere per il futuro del pianeta.